Bradon Flowers all’Alcatraz

Il mio primo concerto rock in solitudine: per varie vicissitudini e garbati (o silenziosi) rifiuti sono andato a sentire Brandon Flowers all’Alcatraz solo soletto e bagnato come un pulcino, visto il diluvio sceso su Milano ieri sera. Duo di spalla con drum-machine e chitarra: interessante la formazione, noioso il risultato, molto piatto. Alle 22 si rispengono le luci e compaiono i 6 elementi della band (strumenti più 2 coriste). Vestito in nero con bretelle, sale Brandon e attacca una versione molto country e spiazzante di “On the floor”. Il concerto passa in rassegna tutto l’album solista “Flamingo” (sorprendentemente manca “Welcome to Las Vegas”, inno d’amore alla sua città) che dal vivo si rivela decisamente meno annacquato rispetto alla versione in studio, soprattutto per brani come “Only the young” e “Hard enough”, mentre ancora più belle della già ottima versione su disco sono le mie preferite “Swallow it” e “Jilted lovers and broken hearts”, più il singolo “Crossfire” che arriva a sorpresa come secondo pezzo del concerto. Oltre ai brani da solista, Brandon esegue anche gli inediti della versione deluxe (più dei cazzeggi sonori che dei pezzi veri e propri), una bella versione di “Bette Davis eyes” e due pezzi dei Killers molto rimaneggiati: “Losing touch” rockettara e senza orpelli e “When you were young” voce e chitarra acustica con cui il concerto si chiude dopo appena un’ora. Ecco, diciamo che 30 euro per 60 minuti di live sono una vera ladrata, però Brandon sul palco ci sa fare parecchio con una gran voce e una presenza scenica notevole. Le sonorità, rispetto al gruppo d’origine, sono molto meno eccessive e “caciarone” e questo mette in evidenza le sue doti sia di interprete che di autore. Ciò detto, però, mi auguro vivamente che la sua avventura solista non significhi la fine dei Killers, perchè insieme agli altri dà decisamente il meglio di sè e si lascia andare a tutte quelle derive esagerate che tanto mi piacciono.

Bradon Flowers all’Alcatrazultima modifica: 2010-10-05T17:51:18+02:00da maxdilly
Reposta per primo quest’articolo