Anton Bruckner e le mie sinfonie

Ieri sera mi sono goduto, da un ottimo posto in platea, il concerto della Verdi diretta da Antonello Allemandi. Nella prima parte, l’orchestra milanese ha eseguito la Sinfonia n.1 di Robert Schumann, perfetta sintesi del primo Romanticismo, con cambi di tempo, intensità melodica e atmosfera “primaverile” e serena, soprattutto grazie al fatto che tutti i 4 tempi sono in tonalità maggiore. Come spesso accade, però, è nella seconda parte del concerto che il programma riserva il meglio per le orecchie. Dopo l’intervallo, infatti, Allemandi è tornato sul palco per dirigere la monumentale Sinfonia n.4 di Anton Bruckner, soprannominata giustamente “Romantica” dallo stesso autore. I venti minuti del primo tempo sono stati un’esperienza quasi mistica, con quel vibrato iniziale, la quinta maggiore su cui è costruito il tema principale che torna continuamente ripreso da possenti ottoni e dagli archi e continue variazioni di colore tra pianissimo e fortissimo. Mi è capitato spesso di chiudere gli occhi e immaginarmi a guardare il cielo e le nuvole fuori dal finestrino di un aereo. Il secondo e il terzo tempo sono meno potenti, ma orchestra e direttore ne hanno dato comunque una piacevole interpretazione, con la sensazione che Allemandi abbia lavorato parecchio sugli ottoni che solitamente sono un po’ l’anello debole della Verdi. Il tema mastodontico del primo tempo torna in tonalità minore nel quarto che si apre con un tempo incalzante e un fortissimo che scuote davvero l’atmosfera (svegliando pure qualcuno che aveva ceduto all’abiocco dopo più di 40 minuti di Bruckner), e prosegue per altri 20 minuti trasportando tutti in un antro sonoro davvero ben reso nella sua cupezza, liricità e sontuosità. Il grande sinfonismo di Bruckner mi ha fatto vagare molto con la mente in quei 65 minuti di esecuzione e mi sono ritrovato a stilare l’elenco delle mie 10 sinfonie preferite di tutti i tempi…che, in ordine sparso, sono:

Sinfonia n.5, Sinfonia n.7, Sinfonia n.9 (Beethoven), Sinfonia n.3 (Brahms), Sinfonia n.6 (Ciaikovskj), Sinfonia n.5 (Mahler), Sinfonia n.4 (Bruckner), Sinfonia n.9 (Dvorak), Sinfonia n. 5 (Shostakovich), Sinfonia n.3 (Gorecki). Menzione d’onore alla Sinfonie Phantastique di Berlioz.

Anton Bruckner e le mie sinfonieultima modifica: 2010-11-12T17:20:00+01:00da maxdilly
Reposta per primo quest’articolo